Casa di Carlo Goldoni

Casa di Carlo Goldoni

Scuola

Proposte per i docenti

  • Educational day
    Museo Correr, mercoledì 7 settembre 2016, alle 11 alle 17

La presentazione del programma rivolto alle scuole si svolge quest’anno in area marciana, nel Salone da Ballo dell’Ala Napoleonica al Museo Correr, base ideale anche per raggiungere rapidamente le mostre temporanee selezionate  come “da non perdere”  , una a Palazzo Ducale e una nello stesso Museo Correr e per valutare, quindi, le attività educative proposte al riguardo. Oltre a presentare i nuovi progetti, i nuovi materiali e le diverse attività, l’Educational day prevede, dalle 15 alle 17, un primo momento di confronto su obiettivi e metodi, mettendo insieme esperienze e proposte dei professionisti presenti, che quest’anno includono nuove, importanti  partnership, ed esigenze e realtà espresse dal mondo della scuola, rappresentato dai docenti. L’incontro si svolgerà in forma seminariale e con le caratteristiche del brainstorming; si configura, come del resto tutta la giornata, come momento formativo.

Scopri di più e partecipa all’Educational Day 2016 >


 

  • Mostre in anteprima
    Momenti di incontro e di visita delle mostre, dedicati in esclusiva agli insegnanti, per testarle e valutarle come possibili strumenti didattici da utilizzare. Gli incontri per le mostre 2017 saranno oggetto di specifica comunicazione.
  • Corso di aggiornamento
    Progettazione cre-attiva

    Percorso formativo in 4 giornate da 5 ore ciascuna, per un totale di 20 ore e un massimo di  30 docenti dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di primo grado. Il corso propone, in premessa, la conoscenza dell’approccio educativo di due grandi maestri del Novecento: Alberto Manzi e Bruno Munari. Del secondo, basti accennare alla celebre metodologia, basata sul “fare per capire”, sul dire “come” – e non “cosa” – fare. Del maestro Manzi, invece, è nota la trasmissione televisiva “Non è mai troppo tardi” negli anni Sessanta, e forse meno l’impegno innovativo – e perdurante ben oltre l’esperienza in RAI- a un approccio educativo estremamente inclusivo e basato sulla  “tensione cognitiva” e l’ “educare a pensare”. Entrambi privilegiano il capire attraverso il fare, l’agire sugli oggetti, lo sperimentare strumenti, tecniche, materiali. Oggetti, tecniche, strumenti e materiali sono anche protagonisti della nostra didattica nei musei,  che li propone come luogo dell’agire concreto, dello stare in relazione con l’opera o con gli artisti, del capire attraverso la manipolazione e la sperimentazione.Il corso, sia teorico sia pratico, permette agli insegnanti di approfondire il senso di questo metodo e la sua efficacia nello stimolare attitudine creativa, attenzione al bello, capacità di osservazione e di interpretazione, ma anche  capacità di progettazione, di analisi, di fare previsioni e scenari, di mettere in discussione i propri risultati e il senso di quel che si fa. Anche ben oltre l’esperienza in museo.Obiettivi che il corso stesso si prefigge di raggiungere vivendoli in primis come insegnanti e adulti.

    Date  e orarisabato 26 novembre, sabato 14 gennaio, sabato 4 marzo, sabato 20 maggio dalle 8,30 alle 13,30
    Sede: Ca’ Rezzonico- Museo del Settecento Veneziano
    Docente: Alessandra Falconi, Responsabile Centro Alberto Manzi e atelierista metodo Bruno Munari
    Iscrizione online dal sito http://www.visitmuve.it/it/servizi-educativi/ fino a esaurimento dei posti disponibili

  • Sportello progetti personalizzati

– Per collegare in modo diretto e coerente l’attività in museo con la programmazione della classe;
– per soddisfare esigenze particolari di approfondimento di temi specifici;
– per rendere davvero inclusive le proposte tenendo conto di eventuali necessità o problemiil Servizio attività educative è disponibile a progettare insieme agli insegnanti percorsi e approcci personalizzati. Contattateci  al nostro “sportello” education@fmcvenezia.it